FACCIAMO UN BILANCIO?


Alla fin fine è una questione di punti di vista, perchè i numeri sono sempre e sicuramente numeri, ma basta cambiare fronte ed ecco che assumono un significato diverso.
Il vero problema è chi questi numeri li subisce e non può far altro che dire:"OBBEDISCO!"
Anzi in questo caso "PAGO!"

Ovviamente non parlo della querelle sui partecipanti alla manifestazione del PdL di Sabato 20, bensì del bilancio del Comune di Novi.
Sulla questione manifestanti forse sarebbe ora che in Italia si stabilisse un metodo preciso e condiviso su quanta gente ci sta in un metro quadro.
In Spagna han creato il Lynce (http://www.lynce.es/quinta.html) che ha finalmente permesso di stabilire un criterio tecnologico per contare le teste, ma in Italia in effetti interessa sapere la verità?
E' molto meglio sparare sempre numeri esagerati (anche a quella del PD si scrisse che c'erano n-mila persone), salvo poi leggere i dati della Questura e contestare, più o meno velatamente, il Prefetto di turno.
Tornando invece ad argomenti di casa nostra, devo dire che la scarsa partecipazione popolare di giovedì scorso mi ha un po' deluso.
Capisco che ci fosse la partita della Juve, capisco anche che l'argomento non era dei più "digeribili", ma non ci si può lamentare sempre degli amministratori pubblici, se poi non gli si fa sentire il fiato sul collo.
Assistere ad una seduta del consiglio comunale è utile sia ai votanti, perchè possono giudicare l'attività del votato, sia agli astenuti, che magari possono convincersi che, alla fine, se non partecipano anche loro alla vita politico-amministrativa del proprio Comune, il panorama difficilmente cambierà.
Invece una volta di più di siamo ritrovati fra addetti ai lavori e malati di politica, ad assistere al dibattito sul bilancio che ha regalato anche qualche buona sorpresa.
Anzi tutto ho potuto constatare piacevolmente che questa volta l'opposizione a Novi s'è svegliata!
Alcuni interventi devo dire che sono stati molto azzeccati, uno fra tutti quello di chiedere alla giunta se vi è mai stata una compensazione per il mancato lavaggio strade durante il periodo nevoso.
Poco felice la risposta dell'assessore Cascarino che proferendo con un "ci incontreremo per valutare la questione" ha scatenato l'ovvia replica del PdL, che chiedeva se, quindi, fino ad oggi non vi fosse mai stata una compensazione.
Purtroppo non sono giunte risposte molto convincenti su questa domanda, perchè ci si è fermati all'anno scorso e non si sa come si facesse gli altri anni.
Giusto poi il disappunto di tutta l'opposizione per la ristretta tempistica sul bilancio, che ha impedito una dettagliata analisi sulle diverse componenti, anche se le reazioni sono state diverse: Sofio e Dolcino hanno abbandonato l'aula, mentre il resto dell'opposizione ha votato contro il bilancio.
Le tempistiche risicate sono state confermate indirettamente dal revisore dei conti che è intervenuto, che ha ammesso di aver dovuto fare una bella corsa per stare nei 5 giorni, nemmeno tutti lavorativi, messi a disposizione dall'amministrazione novese per redigere la valutazione
Se non ricordo male, però, a Dicembre c'era stata una proroga fino al 30 aprile 2010 per la deliberazione dei bilanci previsionali degli enti locali, dunque perchè non dare più tempo ai revisori ed ai consiglieri?
Quesiti tempistici a parte, sicuramente diverte, da spettatore, l'analisi della situazione economica novese letta nei comunicati del PD e del PdL:
– da un lato si incolpa il governo di aver messo alla canna del gas i Comuni
– dall'altro si evidenziano considerevoli crediti non ancora riscossi nei confronti di Regione e Provincia (forse le elezioni in questo caso pesano)
E pur tralasciando i 360 mila euro della Tributi Italia, il mistero dei derivati rimane tale, perchè nemmeno il revisore dei conti se l'è sentita di spiegarlo in Consiglio, seppur espressamente richiesto.
Il governo taglia, è indubbio, ma nessuno della giunta ha ancora risposto in merito alle mancate riscossioni sollevate dal PdL, non sono forse soldi utili al Comune?
Se diamo per scontato che quei soldi sono oramai persi, allora a bilancio sono nei passivi o vengono ancora computati come entrate attive?
Visto che si doveva trovare un milione di euro non c'erano poi tante strade e la scelta di alzare la tassa sui rifiuti è del tutto legittima, però non si può spiegare la questione solo puntando il dito contro il governo ladro che taglia i fondi, senza guardare realisticamente l'intera situazione, perchè il Comune di Novi spesso ha dimostrato di adottare provvedimenti non proprio virtuosi e forse bisognerebbe iniziare a fare un po' di risparmio anche nelle piccole cose.
Ad esempio, quanti dubbi ha sollevato l'utilità della selezione pubblica per un istruttore grafico, visto che nel Comune sembra esistano risorse che possono svolgere simili mansioni? Non penso che istituire un concorso e poi pagare un part-time sia proprio economico, a maggior ragione se mancano soldi.
E nonostante il capogruppo Motta voglia scaricare il malcontento dei dipendenti del Comune sul governo, come non ricordare le polemiche sulla riallocazione "creativa" del personale fatta tempo fa e confermate da un comunicato della RSU?
In periodo di magra (quale sembra farci intendere l'amministrazione), la creazione di nuovi dirigenti va incontro al rigore ed al risparmio?
Se è vero che alcuni dipendenti aspettano ancora gli straordinari del 2009, non penso sia stata una scelta molto azzeccata.
E se veramente il governo brutto, zozzo e cattivo vi ruba i soldi, perchè se ne spendono per fare la ZTL in via Roma, se ne spenderanno per studiare e fare la rotonda in Piazza Venti e ci si lascia scappare così tranquillamente la Maruzzella?
Ed infine perchè non dare il buon esempio con una riduzione degli oneri della giunta?
Poteva esser una scelta apprezzata dai cittadini, il messaggio sarebbe stato chiaro: vi aumentiamo la spazzatura, ma ci diminuiamo lo stipendio!
Non ho visto il bilancio 2010, ma mi riprometto di spulciarlo perchè mi piacerebbe capire (e penso anche ai cittadini) quanto pesano Movicentro, Museo e bike-sharing, ad esempio, in termini di manutenzione e passivi sulle uscite
Sembra poco, ma come recita un detto genovese: "Tutto fa! Diceva quello che faceva pipì in mare" (tradotto in modo edulcorato)
Anzi vorrei lanciare una provocazione all'amministrazione novese: un incontro pubblico in cui si spiega il bilancio e si fugando i dubbi finora sollevati da più parti
In termini di trasparenza e comunicazione verso i cittadini sarebbe un bellissimo gesto, saprete accettare la sfida che vi propongo?

Ermanno Cecconetto

pubblicato su NoviONLine 25 marzo 2010
http://www.novionline.net/news/invia-il-tuo-articolo/la-pecora-nera-facciamo-un-bilancio.html <!– –>

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...