QUATTRO CHIACCHERE CON ANDREA SCOTTO, NUOVO COORDINATORE DEL PDL


FerrettiScottoAndrea Scotto, 37 anni, ingegnere chimico, lavora per un grande gruppo internazionale. Al suo attivo, al di fuori dell’ambito strettamente professionale, ha diverse pubblicazioni di storia medievale e moderna, sia come articoli su riviste specializzate che come monografie. Molti lo conoscono sia per la sua partecipazione alla vita della parrocchia, sia come socio fondatore e segretario dell’associazione Amici del Forte di Gavi. Domenica è diventato coordinatore del PdL novese.

Andrea anzitutto complimenti, sei il primo coordinatore del PDL scelto dalla base, un record penso italiano, che sensazione provi?

Come ha giustamente notato Federico Tuo, quando si vivono momenti di ritrovo e di scambio di idee – anche quando lo scambio si fa duro – la vita politica si può dire veramente “vita”. Domenica scorsa la vitalità del centrodestra si è potuta toccare con mano: ed è stato magnifico, senza dubbio. Una buona carica di fiducia per i momenti più “tosti” che di sicuro non mancheranno.

Domanda cattiva: a dicembre Botta ti ha defenestrato dopo nemmeno due giorni di reggenza, domenica il direttivo ti ha riconfermato davanti al coordinatore nazionale e al vice-presidente della Regione, ma essendo assente per motivi di salute, ti ha chiamato per congratularsi con te?

Botta mi ha chiamato già domenica, formulandomi i migliori auspici per l’Assemblea. Ho apprezzato l’augurio di buon lavoro che mi ha fatto avere tramite la redazione di http://www.novipdl.net.

Durante il tuo discorso hai parlato di 3 parole-chiave da tenere bene a mente, ce le vuoi illustrare?

Libertà: non è solo una parola, ma è un dono da meritare ogni giorno, anche rinunciando al tranquillo tran-tran che magari ci piace tanto.
Maturità: nessuno di noi crede nelle favole, e sa che non basta un simbolo, un’assemblea od un congresso per conferire a chicchessia chissà quali doti. Senza il contributo fattivo di ciascuno di noi né il PDL né tanto meno la società civile avranno un futuro.
Responsabilità: non verso noi – perché ormai la nostra vita personale e professionale ce l’abbiamo già – ma per coloro che verranno, persone che neppure conosceremo. Come Mosè, che ha affrontato il Faraone, ha tenuto duro per quarant’anni nel deserto, solo per poter vedere la Terra Promessa di sfuggita, senza potervi mettere piede.

Il documento “dei dieci” è molto ambizioso e forse attuabile a livello locale, pensi che anche altri centri cittadini prenderanno esempio da voi?

I “dieci” sono amiche ed amici che hanno voluto mettere nero su bianco ciò che loro – e non solo, e non solo a Novi Ligure – si aspettano dal loro coordinatore e dal loro partito. E’ quello che mi aspetto anch’io dal nuovo coordinatore.

Piero Vernetti, nel suo intervento, ha puntato il dito sull’accumulo di cariche, chiedendo che alcuni facciano un passo indietro a favore di facce nuove, funzionerà?

Se si vuole che ci sia maggiore partecipazione alla vita politica, la strada è quella della maggior partecipazione possibile: chi fa politica ricavando minuti preziosi dal proprio tempo fa ciò che può, ma se le persone che collaborano ad un progetto politico sono tante, il carico di impegno è più leggero per tutti.

A livello provinciale il PDL appare sempre più assente, manca un coordinamento fra sezioni e con la regione, Botta sarà in grado di cambiare questo trend o si prepara al congresso che, per bocca del ministro Bondi, si terrà verso l’estate?

Organizzazione, questo è il concetto chiave. Senza una buona organizzazione anche i talenti migliori girano a vuoto. Su questo aspetto Marco Botta ha la fortuna di avere al suo fianco una persona valida come Massimo Berruti, che unisce giovane età, esperienza amministrativa e visione del futuro. Ora che non c’è più lo stillicidio quotidiano di Fini e dei suoi, il PDL può godere di maggiore serenità, anche a livello provinciale: le premesse per far bene ci sono, i risultati verranno.

L’On. Repetti, durante l’assemblea, suggeriva di istituire un appuntamento periodico aperto al pubblico per dialogare con la gente, pensi che accetterai il suo suggerimento?

Certo. L’idea era già stata messa in pista da Bruno Ferretti e da Manuela Repetti, ed è rimasta ferma per gli impegni legati alle elezioni regionali 2010 ed alle incertezze legate all’eventualità o meno di una campagna elettorale per il Parlamento. Ora si tratta di realizzarla mettendo in piedi un gruppo organizzatore stabile, a cui mettersi operativamente a disposizione tutti, coordinatore compreso. Già alcuni amici nel partito mi hanno confermato la loro disponibilità.

Sia il capogruppo in comune, Federico Tuo, che l’On. Repetti hanno chiaramente escluso un possibile ritorno della Porta nel PDL, nonostante si parlasse di una coesione fra forze politiche di opposizione, anche il nuovo coordinatore cittadino è sulla stessa linea?

L’opposizione si realizza nei fatti e si dimostra con i comportamenti. L’essere Presidente del Consiglio Comunale eletta con i voti della maggioranza, senza cercare una soluzione condivisa con le altre forze di opposizione, certo non è stato un buon inizio. Se poi si arriva ad un atteggiamento come quello tenuto – dizionario alla mano – nei confronti del consigliere Dolcino, la situazione non può che peggiorare. Lunedì scorso lo sì è visto chiaramente: quando la seduta è stata presieduta da Michela Ziccardi, è stata recuperata la serenità che si deve tenere in un Consiglio che si rispetti. Se un arbitro non sa tenere in pugno la partita, che arbitro è?

Temi scottanti da affrontare sul territorio ce ne sono, iniziamo dalla sanità: il S. Giacomo rischia di chiudere sotto la mannaia dei tagli, a favore dell’ospedale di Alessandria, Berruti a Tortona ha già espresso il suo dissenso, quale sarà la linea del PDL novese?

Su questo e su altri temi sto informandomi meglio: “conoscere per scegliere consapevolmente”, come è scritto nella “Carta dei dieci”.

Terzo Valico: l’On. Lovelli è intervenuto presso il Governo per fare pressione sulle opere compensative, ma la grande opera di raccordo fra Genova e Milano serve realmente?

Grandi opere ed opere compensative sono veramente utili se si fa crescere intorno a loro un tessuto economico solido. Gli antichi romani facevano sì grandi infrastrutture, ma costruivano anche città e bonificavano le terre circostanti mettendole a coltura. Il tutto, senza dimenticare di valutare impatto ambientale e limiti tecnologici delle pratiche costruttive a disposizione.

Sulla gestione dell’acqua si è fatto un gran chiasso, il PD stesso sull’argomento ha rischiato lo strappo con uno dei suoi esponenti più in vista, ma alla fine meglio pubblica o privata?

Il meglio per l’acqua è non sprecarla, innanzitutto. Ciò premesso, nessuno mette in discussione la proprietà pubblica dell’acqua, neppure la legge Ronchi. Quanto alla gestione del servizio, mi sembra di aver notato una certa differenza di vedute tra D’Ascenzi ed i suoi “datori di lavoro” della maggioranza: novità in vista?

Mario Donato Summa ha parlato di una serie di progetti che avete iniziato a discutere per cambiare il volto alla città, come coinvolgerete i novesi?

Innanzitutto abbiamo già cominciato con l’ascolto di chi vive e lavora in città, per orientarci sui reali bisogni di Novi; poi studieremo soluzioni, che sottoporremo volta per volta ad una seria verifica di fattibilità basandosi su esperienze già acquisite altrove e sul parere di esperti dei vari settori. E’ un lavoro lungo, ma già avviato da mesi: il 2014 non è poi così lontano.

Di domande ne verrebbero tante, ma ci sarà modo per fartele prossimamente, per ora buon lavoro e grazie.

Anche a te e, mi raccomando, salutami la “pecora nera”.

Ermanno Cecconetto

pubblicato su NoviOnLine 07 marzo 2011
http://www.novionline.net/news/interviste/intervista-quattro-chiacchere-con-andrea-scotto-nuovo-coordinatore-de.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...