Champagne…


Nonostante molti l’abbiano più volte detto, l’altro giorno dopo l’annuncio di Berlusconi che lascerà a breve, non ho visto le piazze piene di gente intenta ad ubriacarsi felice.
Ho visto qualche timido accenno su facebook e francamente permettetemi di dire che essendo in Italia preferirei brindare con dell’ottimo spumante brut al posto del cugino francese.
Però le piazze sono rimaste vuote…
Sarà colpa delle borse che sono crollate nonostante l’annuncio di Ilvio.
O sarà colpa che l’annuncio è stato dato di mercoledì, notoriamente il giorno della settimana meno popolato alla sera.
Fatto sta che gli italiani sembrano subire, più che gioire.
Timida anche la reazione dei mercati finanziari, forse perché anche loro come noi hanno poca fiducia nell’attuale parlamento.
Basta vedere il triste teatrino che si è aperto sul dopo Berlusconi per capire che nessuno di loro ha le idee chiare su cosa fare.
Anzitutto non si capisce se sosterranno i tagli ai costi della politica o no.
Il rischio è di vedere la maggioranza dei parlamentari votare CONTRO a simili provvedimenti, con ovvie conseguenze per la credibilità del nuovo esecutivo.
Dopo il ministro Rotondi, l’ha spiegato anche l’on.Carlucci: lo stipendio è fin poco, dato che si pagano segretarie, vitto ed alloggio in trasferta.
Un operaio quando va a casa ha lasciato i suoi problemi nel suo ufficetto. Io quando vado a casa ho ancora i miei problemi di lavoro” ha inoltre dichiarato(http://isegretidellacasta.blogspot.com/2011/11/lo-stipendio-parlamentare-e-troppo.html)
Dunque, per evitare brutte figure, i soldi bisognerà trovarli altrove, ma dove?
Alcune scelte sono state abbastanza anticipate: patrimoniale e tasse, ad esempio.
Perché la priorità è il pareggio del buco, non il rilancio dell’economia.
Se ci attendono esborsi vari, non è chiaro chi dovrà accollarsi la responsabilità di questa impopolare manovra.
Era molto più comodo che restasse in sella Berlusconi, perché in fondo bastava puntare il dito e gridare che tu avresti fatto in modo diverso.
Ora nessuno pare volersi prendere una tale responsabilità, altrimenti Casini, Bersani o DiPietro avrebbero già chiesto a Napolitano di nominarli Presidente del Consiglio.
Ed al caos si aggiunge caos: chi parla di elezioni, chi vuole Alfano, chi Mario Monti e via dicendo.
Servirebbe unità per dare una risposta chiara al mondo, ma una volta di più i nostri politicanti si dimostrano al di sotto delle aspettative.
Davvero avete voglia di brindare?

Pubblicato su NoviOnLine 11 Novembre 2011
http://www.novionline.net/news/invia-il-tuo-articolo/la-pecora-nera-champagne.html

Annunci

3 thoughts on “Champagne…

  1. Pingback: Champagne… - Il Rovescio della Medaglia - Webpedia

  2. No, Ermanno nessuna voglia di brindare, ché andrebbero di traverso le bollicine italiane come quelle d’oltralpe. La voglia incontenibile è, invece, quella di dire ai nostri politici d’ogni colore, di tornare ad essere politici e non pupi sorretti dalle mani di ciinque o sei Global-burattinai. Di guadagnarselo, insomma, quello “stipendio da fame” che gli si dà e di contribuire, se non di più, almeno allo stesso modo dei miserabili cittadini ai quali si chiedono i sacrifici.

  3. Pingback: AlessandriaNews, blogosfera.. | i cittadini prima di tutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...