Poltrone bollenti


Ho recentemente letto l’intervista al sindaco di Castelletto d’Orba, Federico Fornaro, in merito all’abolizione delle #Province e devo dire che non si sfugge dalla solita logica del parlare molto per non cambiare niente.
Ovviamente chiedere ad un politico ti togliersi la cadrega è come chiedere a Paperon
de Paperoni di regalarti un cent, ma mi sono più volte chiesto che senso abbia sperperare le risorse pubbliche in costosi doppioni o in fantasiose società che portano pochi risultati.
Pensiamo per esempio al turismo, che anche Fornaro ammette essere uno dei punti da riorganizzare.
Attualmente se ne occupa la Regione, la Provincia, i vari uffici di Informazione e accoglienza turistica (i famosi Iat), i Comuni, le Comunità montane e via dicendo.
Tutto questo genera un dispendio di soldi in personale, mezzi, promozioni, pubblicità, uffici.
Simili esempi possono essere fatti per la sicurezza pubblica, il trasporto o la sanità.
Ecco dunque che dal capogruppo del Pd in Provincia arriva un’apertura verso l’accorpamento (badate bene non la cancellazione) delle province italiane, con una redistribuzione dei servizi tra Regioni, Province e Comuni, ma davvero così si risparmierebbe?
In Italia quando si accorpa, si finisce per duplicare.
Prendiamo ad esempio l’ipotesi di accorpamento Asti-Alessandria.
Per limitare i disagi degli astigiani, la sede di Asti rimarrà aperta per gli uffi ci principali, quindi scordiamoci risparmi sulla vendita degli immobili o riduzione del personale e dei dirigenti e dato che siamo in Italia, bisognerà vedere anche chi si occuperà di coordinare
i vari uffici nelle due sedi.
Chi non sarà lasciato ad Asti, avrà sicuramente diritto a un’indennità di trasferta o un rimborso spese per recarsi ogni giorno ad Alessandria e i dirigenti che faranno la spola tra Asti e Alessandria faranno lievitare la propria nota spese per ovvie ragioni.
Forse il risparmio ci sarà sul costo degli eletti, perché si spera che l’accorpamento non preveda anche la somma dei consiglieri delle due singole province, ma non ne sarei così sicuro.
Metti che poi ‘sti mandrogni vogliono spendere soldi per il Monferrato a scapito dell’astigiano?
Pertanto nessuna vendita di immobili o mezzi e maggiore costo del personale (tra trasferte, nuovi dirigenti, indennità e via dicendo), quindi l’accorpamento è un risparmio?
Sicuramente senza province non ci aumenterebbe l’addizionale sulle assicurazioni auto come è accaduto lo scorso luglio per chi abita in provincia di Alessandria.
La mia ovviamente è una battuta, ma che riassume il senso che ho della questione.
Togliendo le province sicuramente ci sarebbe tutto il personale da riallocare, ma almeno sui balzelli e sulle scartoffi e qualche guadagno ci sarebbe.
Anche la burocrazia sarebbe sveltita, perché certe funzioni sarebbero in mano direttamente ai Comuni.
Pensiamo per esempio al caso Maruzzella: il comune di Novi avrebbe potuto decidere direttamente senza chiedere il parere alla Provincia.
Si lo so! In quel caso Robbiano avrebbe chiesto alla Regione e anche al papa, pur di non decidere, ma parlavo in via teorica…
Nel frattempo vedremo cosa accadrà a Genova e La Spezia, che nel 2012 sarebbero dovute andare al voto, ma che con la nuova legge dovrebbero sparire.
Senza fare il mago Otelma della situazione, volete scommettere che prima del previsto voto, spunterà fuori qualche decreto che posticipa la norma “ammazza-province”?

Pubblicato su Il Nostro Giornale 19 gennaio 2012
http://www.regione.piemonte.it/mentelocale/DownloadPaginaGiornale.do?pathPdf=20120119%2FNostro%2520Giornale%2520%28AL%29%2FPDF%2F&nomePdf=02-INGI_09.pdf&data=19%2F01%2F2012&fp=NjNkZDY4ZDY0NzU4YWZiMTk2YjdkNDRmNTdlZGU2YWU5NWVkODFjZg%3D%3D

Annunci

3 thoughts on “Poltrone bollenti

  1. Pingback: Poltrone bollenti - Il Rovescio della Medaglia - Webpedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...