Parlamentarie a 5 stelle, tutto molto bello, ma…


E’ tutto molto bello, tutto molto tecnologico.
Una vera dimostrazione di forza su come si possano gestire delle consultazioni nazionali usando la tecnologia della rete.
Server con connessione sicura, accesso solo per chi è iscritto al movimento prima del 30 settembre 2012 mediante l’uso di email e password, tre preferenze da dare ai candidati della propria circoscrizione elettorale.
Niente obolo di due euro e niente possibilità di votare più volte.
Divieto di organizzarsi per votare questo o quello, per evitare che un gruppo prevalga sul singolo, sebbene non esista modo per capirlo.
E se un gruppo vuol votare per un loro amico verrà considerato un voto pilotato?
Chissà se saranno ammessi al voto anche i dissidenti Tavolazzi, Biolè, Favia e Salsi, che tanti grattacapi hanno dato al capo Grillo.
Parlo di “capo” perché sul blog di Grillo esiste un comunicato che spiega come votare e si legge chiaramente che Grillo è il “capo politico” del Movimento.
A tutti gli effetti il buon Beppe fa un passo avanti rispetto a prima: passa dall’esser un semplice portavoce o un megafono (come ha sempre detto di essere) ad un ruolo più operativo di capo politico.
Lo so, lo so!La legge impone che se si presenta un “raggruppamento politico organizzato” senza cariche e organi statutari (segretario, tesoriere, ecc.), deve essere indicato una persona fisica responsabile del raggruppamento.Stupisce che proprio Beppe sia caduto su questa buccia di banana “comunicativa”.
Nel suo comunicato politico 53, Grillo scrive:
io devo essere il capo politico di un movimento, però io voglio solo dirvi che il mio ruolo è quello di garante, di essere a garanzia di controllare, vedere chi entra, dobbiamo avere soglie di attenzione molto alte.
Perché il “DEVO” al posto di chiedere ai suoi iscritti prima di autoproclamarsi capo politico?
Penso che nessuno si sarebbe opposto.Forse discutiamo di lana caprina, ma perché non fare questo piccolo passo?
Non venitemi a dire che altri fanno peggio, perché se permettete di questi paragoni sono stufo marcio!
E’ proprio grazie a questo discorso se siamo nel guano fino al collo, quindi se vogliamo parlare di democrazia, la si metta in atto SEMPRE!
Del resto grazie alla rete ci sarebbe voluto poco.
Un post, alcuni giorni per dare modo ad altri di candidarsi come “capo politico” e via.
Invece Beppe ha deciso che farà il capo, così come ha deciso chi sarà candidato.
Si premia la fedeltà, ovvero chi è nel Movimento da 5 anni, che abbia fatto una lista comunale o regionale, a patto di non esser stati eletti.
E dove non ci sono state elezioni o liste? Pazienza!
Se non ti sei sbattuto abbastanza per fare una lista a 5 stelle, non meriti di partecipare.
Sicuramente il mondo variopinto dei candidati ci rappresenta: casalinghe, operai, liberi professionisti, disoccupati.
E’ facile immedesimarsi nel giovane impacciato o nell’agricoltore dall’accento marcato che presenta la sua tenuta.
Tanti video fatti in casa, alcuni fatti con l’aiuto di qualche smanettone, insomma molto distanti dai professionisti che siedono in parlamento oggi…
L’unica problema è che questa democrazia “liquida” lascia fuori dai giochi chi non ha internet.
Comunque in bocca al lupo al novese Fabrizio Gallo, dato che non c’è due senza tre, dopo Lovelli e la Repetti, che non sia sua volta a rappresentarci in Parlamento?
Ho però una critica “costruttiva”: si parla di ridare i soldi dei rimborsi elettorali e delle indennità a Stato, Regione e Comuni.
Questi sono soldi prelevati coattivamente a noi cittadini, non sarebbe più utile se fossero resi alla comunità e non alle istituzioni, visto che poi andrebbero a foraggiare altri partiti o spese non sempre utili alla collettività?
Quante strutture pubbliche necessiterebbero di ristrutturazioni o quanti fiumi avrebbero bisogno di esser puliti?
Tutte opere che lo Stato non fa perchè non ha fondi, tranne per darne ai partiti (capitolo di spesa che non ha mai subito tagli).
Questo sarebbe veramente un gesto di discontinuità col passato: nessun batman, ma tante opere utili per la gente!

Pubblicato su NoviOnLine 07 Dicembre 2012
http://www.novionline.net/sito/politica/962-parlamentarie-a-5-stelle-tutto-molto-bello-ma

Annunci

2 thoughts on “Parlamentarie a 5 stelle, tutto molto bello, ma…

  1. Pingback: Parlamentarie a 5 stelle, tutto molto bello, ma… - Il Rovescio della Medaglia - Webpedia

  2. Pingback: Parlamentarie a 5 stelle, tutto molto bello, ma… | i cittadini prima di tutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...