Forza Italia, il nuovo avanza(to)!



Sabato ci sarà dunque un ritorno al futuro: torna (di nuovo) Forza Italia!
Per gli appassionati di calcio sarà nuovamente una maledizione non poter tifare serenamente ai mondiali senza dover gridare anche “Forza Grillo!” o “Forza piddì” per par condicio.
Per gli altri invece cambierà poco, soprattutto per militanti e simpatizzanti, da tempo abituati al fatto che Silvio dispone e decide, arrivando all’assurdo di far rinascere un vecchio partito dalle ceneri di un altro mai nato.
Una creatura politica degna del dottor Frankenstein, con molte teste e poche gambe, perché se è vero che tra lealisti, governativi e neutrali i capi corrente si sprecano, la militanza “operativa” è sempre meno.
Anzi , se le giovani leve sono quelle viste alla cena dell’onorevole Santanchè, presto saranno ancora meno.
Falchetti diciottenni in coda davanti all’ingresso del locale, in attesa di esser chiamati come per entrare in un’esclusiva discoteca, simili a tanti piccoli broker, più squaletti che falchetti, tronfi e pronti ad obbedire al leader maximo quasi ottuagenario senza aver mai fatto un giorno di militanza o aver mai pensato troppo alla politica.
Figli di una televisione piena di tronisti, grandi fratelli e calciatori che incarnano il successo senza sforzi, vederli così belli e griffati in file era come vedere uno spot: “non ci interessa chi sei, non ci interessa quanto ci crederai, ma ci interessa quanto sei figo e quanto riempi l’obiettivo del cameraman, perché laif is nao
L’ennesimo schiaffo ai militanti, che dopo aver sentito tempo fa Bondi sputare sul valore del tesseramento, adesso si ritrovano a dover fare i conti con i giovani “on demand”, perché i falchetti dovevano esser sponsorizzati direttamente a Silvio da amici fidati.
Quindi si dovevano conoscere pupi e pupari, per aver meglio chiaro il quadro di chi li comandava.
La scena dei falchetti è l’ultimo triste episodio di una sorta di politica “take away” dove non contano i progetti a lunga scadenza, ma fare audience.
Una politica del “mordi e fuggi”  ben rappresentata dall’assurda idea di vendere le italiche spiagge per far cassa, benchè il governo Alfetta non abbia ancora tagliato alcun costo inutile (Province, numero parlamentari, enti inutili, sedi istituzionali superflue, scorte e auto blu giusto per dirne alcune).
Dopo le spiagge, perché non mettere una tassa sui profumi  di storia ed arte che pervadono  Roma  e Firenze?
Per non parlare dell’assurdità di inserire la cancellazione del divieto di utilizzo delle sigarette elettroniche nei luoghi pubblici all’interno del decreto Istruzione:  cosa c’entra il decreto Istruzione con le sigarette elettroniche?
Nulla, solo che nella politica “take away” fai le cose al momento:  probabilmente  mentre si discuteva di istruzione si son trovati a dover affrontare i mugugni dei venditori di sigarette elettroniche e quindi perché non rabbonirli togliendo il divieto?
Forse quando discuteranno di salute pubblica vedremo spuntare mozioni sulle grandi opere e quando approveranno un decreto sicurezza apparirà un comma sugli ecoincentivi.
Sempre che Silvio non decada, altrimenti addio all’Alfetta!
Con tanti saluti al bene del Paese, principio in virtù del quale  sono nate le larghe intese.
Se andiamo a rivotare c’è ancora gente che ha voglia di dargli il voto?
Lo so, gli italiani sono pronti a stupirmi, ma speriamo che quel 40% che sta sempre a casa decida finalmente di fare il proprio dovere civico e li mandi a casa, altrimenti non lamentiamoci della politica, bensì pensiamo a quanto siamo beoti noi cittadini.

Pubblicato su NoviOnLine 15 novembre 2013 – Leggi l’articolo

Annunci

3 thoughts on “Forza Italia, il nuovo avanza(to)!

  1. Pingback: Forza Italia, il nuovo avanza(to)! - Il Rovescio della Medaglia - Webpedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...