Pet therapy vigevanese



Oggi è un fatto ampiamente riconosciuto che la zooterapia (o per dirla all’inglese pet therapy) non dia beneficio solo agli inguaribili animalisti, ma che possa coadiuvare le terapie tradizionali nel migliorare il comportamento fisico, cognitivo e psico-emotivo di pazienti affetti da differenti patologie.
Nel corso degli ultimi anni, quindi, è naturalmente cresciuta la sensibilità delle persone nei riguardi dei nostri grandi, medi o piccoli compagni di vita.
Sono nate spiagge dove è possibile portare Fido, il businness dell’alimentazione è talmente cresciuto che oggi esistono supermercati dedicati agli animali, alberghi e ristoranti hanno aperto le loro porte ai nostri amici a quattro zampe.
Che lo si faccia per reale amore verso gli animali o per arruffianarsi il cliente poco importa, l’importante è poter passeggiare tranquillamente col proprio cane e magari fermarsi a prendere un caffè o un panino senza doverlo lasciare fuori al freddo.
Quindi perché non offrire anche un piccolo ristoro per i nostri amici pelosi?
Una bella ciotola di acqua fresca fuori dal locale per sollazzare l’ugola del cane a passeggio, mentre magari il padrone sosta a gustarsi un caffè.
Questo deve averlo pensato anche il proprietario di un noto caffè vigevanese il 9 novembre, ma senza aver fatto prima i conti con la legge.
Infatti un solerte agente della Polizia Municipale, accortosi dell’ingombrante ciotola, provvedeva ad informare il proprietario del locale che se non l’avesse tolta al più presto, avrebbe ricevuto una multa per occupazione abusiva di suolo pubblico…
Avete letto bene: OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO PUBBLICO!
Fa ridere se si pensa un attimo al nostro Belpaese: consiglieri regionali che si fanno rimborsare anche le mutande, abitazioni che vengono occupate regolarmente, pendolari lasciati alla mercé degli eventi …
L’elenco abusi potrebbe continuare per molte righe, ma sembra che a Vigevano la priorità sia far sparire delle pericolosissime ciotole per cani.
Tutta colpa, pare, del regolamento di Polizia locale che ammette deroghe solo per i posaceneri.
Dunque via libera al riempirsi di catrame i polmoni, ma guai a dar da bere ai cani.
Risultato? Una bella multa di 168euro all’incauto commerciante.
Domenica 23 un gruppo di vigevanesi ha indetto un raduno spontaneo alle 15 in Piazza Ducale per occuparla abusivamente con le ciotole dei proprio pelosi, vedremo se i vigili multeranno anche loro.
Strano paese: si multano le ciotole per i cani di giorno, ma non si pretende altrettanto rigore durante le ore notturne, quando molti avventori, ubriachi e non, insozzano le vie del centro storico con lattine, bottiglie e addirittura bisognini corporali abbandonati qua e la.
Forse perché è più facile aver il pugno di ferro con un commerciante che con un gruppo di ubriachi?
Sono sicuro che non sia così e quindi spero vivamente che si faccia una deroga anche per le ciotole, evitando quindi che il commerciante faccia ricorso, spendendo altri soldi per far valere il buonsenso.
Perché se la legge è legge e va rispettata, allora da cittadino chiedo che la si faccia rispettare sempre, non solo contro i cani!

Pubblicato su NoviOnLine il 21 Novembre 2014 – Leggi l’articolo

Annunci

One thought on “Pet therapy vigevanese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...