La fu rossa Emilia-Romagna



C’era una volta la Regione rossa per eccellenza, quella terra che ha dato i natali a molti leader politici di sinistra, dove il PCI era una religione e dove era blasfemo appartenere ad altri partiti.
In una parola sola c’era una volta l’Emilia-Romagna, terra di gente generosa che ha sempre fatto ciò che il partito gli chiedeva e dove è giusto dare atto che la sinistra è riuscita a realizzare tante cose belle.
Tra i doveri che un partito chiede alla sua gente c’è ovviamente il voto negli appuntamenti elettorali, ma domenica scorsa sembra che questo comandamento sia venuto meno.
Sicuramente ha pesato il clima avvelenato con cui se n’è andato Errani, ma è un fatto pesante che solo il 37.7% degli aventi diritto è andato a votare, contro il 68% del 2010
Sor Matteo pare non preoccuparsene e cinguetta: Due a zero. L’affluenza è un problema secondario
Ovviamente ha ragione perché per la nostra normativa non esiste un quorum che invalidi una elezione (ci hanno visto lungo i nostri padri fondatori…) se non quella amministrativa, ma dovrebbe destare un po’ di perplessità se quasi due terzi degli elettori hanno deciso di disertare le urne, a maggior ragione se quella Regione rappresenta da sempre il bacino maggiore del proprio partito.
Ragionando in termini di voti, se si guarda il precedente europeo, in sei mesi Renzi ha perso ben 677mila voti; non sono certo pochi, visto che notoriamente le Regionali sono più sentite delle Europee, ma per Stefano Folli, su Repubblica, “è anche un elemento di modernità e di normalità nella tendenza all’astensione
Sarà pure un elemento di modernità, ma a me sembra un brutto colpo d’arresto per la democrazia.
Meno gente va a votare e meno si è legittimati a governare un’istituzione, ma se vogliamo ragionarla puramente in termini di vittoria numerica allora ha ragione Renzi: due a zero e palla al centro!
Matteo nel suo tirare dritto sembra sempre più il Marchese del Grillo alle prese col suo famoso detto: “io so’ io e voi nun siete un ca..o!”
Anzi sono convinto che a Renzi in fondo gli stia bene così e del resto pensiamoci un attimo: meno persone al voto significa dover prendere meno voti per vincere e nel bene o nel male il PD è l’unico partito che ha ancora uno zoccolo duro abbastanza ampio su cui fare affidamento e potrà far leva sullo spauracchio delle elezioni anticipate per rimettere al loro posto la maggior parte dei dissidenti.
Nessun partito ha vero interesse nell’andare al voto.
Non certo Silvietto, ancora alle prese con un partito senza carisma che continua pesantemente a perdere consensi.
Tanto meno Salvini, che sta consolidando la propria base e con tutte le paciugate di Renzi (vedi socialcard agli immigrati) sta cercando di cannibalizzare l’elettorato di Silvio e dei suoi cespugli.
Ed anche Grillo che è l’unico ad aver guadagnato voti in queste Regionali (anche se non vola come sperava), deve risolvere qualche problema di leadership e quindi meglio aspettare un po’ e fare pulizia etnica (si ok, stampa di regime, parlamentari arrivisti e via dicendo, ma un fondo di despotismo mi pare ci sia).
Quindi Sor Matteo governerà tranquillamente fino al 2017 (i famosi mille giorni chiesti per cambiare il Paese), ma moralmente è giusto fregarsene di chi non va a votare?
Forse si, perché in fondo conta solo il risultato e se basta un voto per vincere, conta solo chi va a votare.
Pertanto caro non votante che leggi permettimi una riflessione: visto che il tuo non voto di protesta non spaventa nessuno, perché non vai e voti?
Non mi interessa chi, trova un partitino se non vuoi dare il tuo voto ai maggiori, ma vota!
Altrimenti non sei meno peggio di chi oggi ci governa, aumenta le tasse, taglia i servizi, ti toglie certezze e ruba!

Pubblicato su NoviOnLine il 28 novembre 2014 – Leggi l’articolo

Annunci

One thought on “La fu rossa Emilia-Romagna

  1. Pingback: La fu rossa Emilia-Romagna - Il Rovescio della Medaglia - Webpedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...