#FertilityDay o #FertilityFake ?


Giovedì 22 settembre è stata la giornata della fertilità voluta dalla Lorenzin e sbeffeggiata in rete da molte persone tramite l’hastag #FertilityFake.
Bisogna dire che il ministro ha avuto il coraggio di andare avanti, correggendo in parte il tiro, a cominciare dal logo dell’iniziativa che mutato in un semplice fazzoletto annodato.
Continua a leggere

Annunci

Raggi di monnezza

Avete visto come siamo ben informati sull’attività della Sindaca di Roma? Sono emersi subito i possibili intrecci tra l’assessora Muraro e l’Azienda municipalizzata, poi abbiamo saputo che lo stipendio del capo della segretaria politica raggiungerà 105 mila euro, poi è emersa la promozione di Marra ed infine la querelle sulla nomina e sullo stipendio del Capo di Gabinetto (stipendio che è deciso per legge ed è più basso rispetto ai precedenti Capi di Alemanno e Marino, così giusto per dire)
Continua a leggere

Invasione o accoglienza?

La quotidianità di chi vive lungo gli approdi dei migranti è abbastanza uguale ogni giorno: una moltitudine di persone che si riversa lungo le coste nostrane e che affollano i centri di identificazione, spesso incazzati perché vorrebbero proseguire verso altri Stati.
Varia solo il numero, a volte sono centinaia, molto più spesso migliaia.
Per chi è lontano da quei luoghi non è facile capire l’entità del problema (perché oramai di problema si tratta), perché “grazie” ad altri fatti di cronaca, i media non sempre raccontano quello che accade al sud dell’Italia.
Continua a leggere

Alchemia di un giornalismo ad effetto

Pecora NeraIn queste settimane a Novi e dintorni non si parla d’altro.
Del resto in una zona piatta di novità come il novese, l’esser saliti agli onori della cronaca fa sempre un certo effetto; peccato che Novi riesca a farlo solo per fatti di cronaca nera: Erica e Omar, Donato Bilancia e ora la ‘ndrangheta!
Continua a leggere

Voglia di cambiamento…

0169f-renzifonzie-nonleggerlo3Così molto furbescamente l’ha definita Renzi per avere una carta da giocarsi alla prossima direzione del Pd perché in effetti chiamarla sconfitta per lui sarebbe stato pericoloso. Vorrebbe dire che il governo, nel cuore degli italiani, non sta suscitando quell’entusiasmo che Matteo incessantemente cerca di farci credere.
Continua a leggere

Se il problema si riduce a dentro o fuori…


Durante una delle ultime sedute del consiglio comunale di Novi Ligure è avvenuta una cosa scandalosa: un gruppo di facinorosi è intervenuto per impedire lo svolgimento della seduta consiliare!
Come si vede dalle foto apparse in rete e sui giornali, questo pericolosi figuri erano armati fino ai denti di bandiere NoTav e gridavano così forte da impedire, di fatto, il proseguo del sonnellino da parte del pubblico, abituati ai consueti interventi soporiferi di questo o quello.
Continua a leggere

Trivelle go Home!


Chi mi conosce sa che per anni la mia famiglia ha vissuto sui monti, per alcuni anni gestendo il rifugio dell’Antola, per poi scende di qualche centinaio di metri e passare più di un decennio alle Capanne di Carrega.
Credo quindi di potermi considerare più ecologista di tanti che oggi si credono verdi paladini e che parlano di ambiente pur non vivendo a contatto con la natura.

Continua a leggere

Election Day al vin bianco

4d4affeb_000134_864d7c4b_foto_mail_picture-u160754557072i2g-140x166-u200525399848qgd-u200525953906uid-140x219ilsecoloxix-nazionale
Mentre in America è quasi certa la sfida fra Donald Trump e Hillary Clinton, a qualche mese dalle elezioni nostrane in quel di Gavi la situazione appare ancora molto nebulosa.
Rumors locali parlano di un accordo fra il Sindaco uscente, Nicoletta Albano, e il vecchio leone democristiano Cavallera, per fare in modo che la Zarina gaviese non abbia di che preoccuparsi per la successione al trono.
Continua a leggere

Povero Silvio


Non so se avete presente il comico Antonio Cornacchione quando andava in scena tutto disperato gridando “Povero Silvio!”, oggi ci si potrebbe accodare al pianto disperato per questo leader usato e caduto dal trono, sempre più rinnegato da chi fino ad ieri ne ha goduto di luce riflessa.
Dopo Casini, Fini ed il fido Alfano è venuta la volta di Verdini, che ha messo l’Ala e ha spiccato il volo verso la nuova sirena fiorentina, portandosi dietro il sommo poeta Bondi, che del leader maximo ha scritto più di un sonetto, rinnegandoli tutti pubblicamente insieme alla sua bella al grido di “siam comunisti!”
Ah no pardon, ha detto siam di sinistra.
Continua a leggere