E’ arrivata la neve: benvenuto CAOS!


Come sempre arriva la neve e puntualmente si creano disagi
in molti si stupiscono di come ogni volta neve o pioggia generano caos, ma credo che sarebbe sorprendente il contrario.
Da tempo molte amministrazioni pubbliche (Comuni, Province e Regioni) hanno tagliato il capitolo “inverno” dai propri bilanci
La scusa principale è che “tanto non nevica più”, quindi bloccare a bilancio somme per spartineve o comprare sale da spargere è inutile
Del resto se Roma Ladrona taglia i trasferimenti da qualche parte bisogna risparmiare.
Perchè tagliare, ad esemipio, le indennità di carica quando si può risparmiare su altri capitoli?
Se poi nevica pazienza: colpa della Natura avversa, dell’ondata anomala, della Protezione Civile che non avvisa (come se magicamente spuntasse il sale in caso di avviso…)
Insomma colpa di tutti tranne loro!
Tanto i nostri politici sanno bene che basta aspettare qualche giorno e ci dimentichiamo di tutto.
Verrà il Sole e saremo pronti a credere nuovamente che le buche nelle strade si formano perchè la lobby degli asfaltatori lavora male appositamente
Povera Italia…

Annunci

Raggi di monnezza

Avete visto come siamo ben informati sull’attività della Sindaca di Roma? Sono emersi subito i possibili intrecci tra l’assessora Muraro e l’Azienda municipalizzata, poi abbiamo saputo che lo stipendio del capo della segretaria politica raggiungerà 105 mila euro, poi è emersa la promozione di Marra ed infine la querelle sulla nomina e sullo stipendio del Capo di Gabinetto (stipendio che è deciso per legge ed è più basso rispetto ai precedenti Capi di Alemanno e Marino, così giusto per dire)
Continua a leggere

Voglia di cambiamento…

0169f-renzifonzie-nonleggerlo3Così molto furbescamente l’ha definita Renzi per avere una carta da giocarsi alla prossima direzione del Pd perché in effetti chiamarla sconfitta per lui sarebbe stato pericoloso. Vorrebbe dire che il governo, nel cuore degli italiani, non sta suscitando quell’entusiasmo che Matteo incessantemente cerca di farci credere.
Continua a leggere

Election Day al vin bianco

4d4affeb_000134_864d7c4b_foto_mail_picture-u160754557072i2g-140x166-u200525399848qgd-u200525953906uid-140x219ilsecoloxix-nazionale
Mentre in America è quasi certa la sfida fra Donald Trump e Hillary Clinton, a qualche mese dalle elezioni nostrane in quel di Gavi la situazione appare ancora molto nebulosa.
Rumors locali parlano di un accordo fra il Sindaco uscente, Nicoletta Albano, e il vecchio leone democristiano Cavallera, per fare in modo che la Zarina gaviese non abbia di che preoccuparsi per la successione al trono.
Continua a leggere

Fuoco amico metropolitano

Con il termine di fuoco amico si vuole indicare, nel gergo militare, quella situazione in cui i soldati vengono a trovarsi sotto il fuoco delle proprie batterie o di quelle alleate.
In pratica quello che è successo al Consiglio Comunale di Vigevano due giorni fa in Regione.
Se infatti il merito se lo vuole attribuire Giuseppe Villani, consigliere PD, è grazie soprattutto alla maggioranza di centro-dx se l’iter del passaggio di Vigevano all’area metropolitana di Milano subirà uno stop.
Continua a leggere

Chi non vota è qualunquista!


Questa settimana gli argomenti non sarebbero mancati.
Si poteva parlare di vitalizi e figli quarantenni disoccupati di noti politici finiti nell’ombra (ma che ci costano come se fossero ancora sulla cresta dell’onda).
Avremmo potuto discutere di bonus pensioni, ricorsi e politici senza vergogna che ieri votavano il “Salva Italia” e oggi sparano a zero sul governo.
Continua a leggere

Impresentabili e fieri!


E’ polemica sull’elenco di persone (o personaggi) che per vari motivi si possono annoverare come “impresentabili” e che sono stati invece presentati come candidati alle elezioni del 31 maggio. Si fa dal nostalgico del ventennio alla moglie del killer, passando per indagati, condannati, riciclati e trasformisti. Insomma tutto un bestiario che non invoglia certo un cittadino ad andare a votare e che ha portato all’assurdo appello di alcuni dirigenti di partito a chiedere ai proprio elettori di non votare gli impresentabili per non farli eleggere.
Continua a leggere

Se non stai con me, sei una merdaccia!

Le campagne elettorali regalano sempre delle scenette che dovrebbero far capire bene agli elettori chi si trovano davanti.
Una delle cose che ho sempre trovato allucinante, ma che continua ad accadere, è la presunzione di essere il migliore “a prescindere” (come diceva Totò) e chi non è d’accordo fa solo il gioco dell’avversario.

Continua a leggere