Belgio vs Italia

Il nostro è un Paese meraviglioso, pieno di bellezze storiche, paesaggistiche, enogastronimiche e culturali
I nostri personaggi storici hanno messo lo zampino in scienza, arte e nel mondo della conoscenza in generale
Durante l’antica Roma abbiamo anche conquistato l’Europa, il nord Africa ed il Medio Oriente, quindi non dovremmo sentirci secondi a nessuno o invidiare alcunchè
Continua a leggere

Annunci

Invasione o accoglienza?

La quotidianità di chi vive lungo gli approdi dei migranti è abbastanza uguale ogni giorno: una moltitudine di persone che si riversa lungo le coste nostrane e che affollano i centri di identificazione, spesso incazzati perché vorrebbero proseguire verso altri Stati.
Varia solo il numero, a volte sono centinaia, molto più spesso migliaia.
Per chi è lontano da quei luoghi non è facile capire l’entità del problema (perché oramai di problema si tratta), perché “grazie” ad altri fatti di cronaca, i media non sempre raccontano quello che accade al sud dell’Italia.
Continua a leggere

Mani in alto: questo è il Bail-in!

Tempi duri per i risparmiatori che si affidano alle Banche e l’assaggio l’hanno avuto i correntisti delle Banche coinvolte nel famigerato decreto “SalvaBanche”.
Con un colpo di spugna virtuale, tutti i correntisti che avevano investito in obbligazioni subordinate si sono visti azzerare i propri risparmi.
La polemica esplosa è scontata, con da un lato la maggioranza che difende l’operato del Governo (e la posizione scomoda della Boschi) e l’opposizione che va all’assalto, parlando di scandalo.

Continua a leggere

Alla guerra!


Dopo l’attentato di Parigi siamo oramai alla follia collettiva:  chi chiede di andare in guerra; chi invece fa finta di nulla, quasi che non parlando della tragedia parigina tornasse tutto come prima (illusi); chi infine da ragione ai terroristi in fondo è giusto farci saltare in aria, dato che per anni il mondo occidentale ha bombardato i loro territori.
Continua a leggere

Encore une fois

In questi momenti è facile farsi prendere dalla rabbia, fomentati anche da un giornalismo coprofago (come l’ha giustamente definito Marco Salvati) che titola “BASTARDI ISLAMICI”, ma la vera sfida contro il terrorismo è proprio questa: non cedere al facile e semplice odio! E’ quello che questi bastardi vogliono, perchè ogni innocente ragazzino che verrà picchiato perchè legge il corano alimenterà le loro schiere di seguaci!
Inoltre non è solo bastardo il terrorista, ma anche chi gli ha venduto le armi, magari qualche mafioso parigino che l’ha fatto in cambio di droga.
Così come è bastardo chi ha fabbricato quelle armi, destinate sicuramente a fare male.
Di contro però non dobbiamo cadere nel servilismo, come è accaduto in questi giorni che una gita è stata annullata per “non urtare” la sensibilità dei bambini che non erano di fede cristiana. Dobbiamo essere giusti, capire che quello che sta accadendo: non è colpa del rifugiato siriano o marocchino, ma se il rifugiato marocchino non segue le nostre leggi va trattato come un italiano qualunque, altrimenti scateneremo il caos e quando entra in gioco l’odio non ha ragione nessuno! Abbiamo perso tutti!

Antirazzismo “ad-hoc”


Se anche l’antirazzismo cerca di giocare sui numeri e sulle parole per confondere le agitate acque nostrane vuol dire che siamo arrivati in fondo al barile e che la sensazione di esser seduti su una polveriera è molto più concreta di quello che pensiamo.
E’ il caso del “vademecum antirazzista” di Valigia Blu che ho visto in rete a proposito dei migranti dove già in partenza c’è confusione, perché la parola “migranti” si dovrebbe usare non solo per chi arriva, ma anche per chi va.
Continua a leggere

L’IMUrtacci vostra…


Poi non lamentatevi, perchè questa volta Matteo l’ha detto chiaramente: “Noi abbiamo tolto Imu e Tasi e daremo ai sindaci un assegno corrispondente
Ergo per coprire questo gettito mancante possibili aumenti in arrivo…
Perchè Berlusconi ci ha già provato a suo tempo e i risultati (a detta dello stesso PD) sono stati disastrosi e soprattutto perchè la sicurezza di Renzi si basa su un assunto rischioso, ovvero che Bruxelles permetta lo sforamento del rapporto defit/pil
Se non ciò non avviene scatteranno le clausole di salvaguardia: l’aumento IVA di due punti e l’aumento delle accise sui carburanti.
Ma l’abolizione dell’IMU e della Tasi vanno davvero a favore dei più poveri?
Continua a leggere