112 numero di emergenza?

Da quando è stato creato il numero unico per le emergenze (per fortuna) non avevo ancora avuto modo di usarlo.
Ero rimasto al caro vecchio 112 per i carabinieri, al 118 per l’ambulanza e via dicendo.
Stamattina percorrendo la strada da Vigevano verso Milano, mi sono imbattuto in un incidente che vedeva coinvolti un furgoncino e una macchina, con alcuni feriti.
C’erano già diverse persone che prestavano soccorso, pertanto, per non intasare la strada, ho proseguito, ma per dovere civico ho chiamato il 112 per segnalare l’accaduto.
La risposta è stata immediata, l’operatore ha individuato da dove chiamavo e ha registrato la mia segnalazione, ma finito di raccogliere i dati mi dice: “attenda in linea che le passo l’emergenza sanitaria
Nella mia ignoranza credevo che toccava all’operatore smistare l’eventuale segnalazione verso ambulanza, carabinieri e via dicendo.
Invece ho atteso 4 minuti prima di parlare con l’altro operatore a cui sostanzialmente ho ripetuto quanto detto prima
Premetto anche che non so se alle chiamate viene assegnato un codice di urgenza, ma se avessi avuto veramente una emergenza, credo che 4 minuti per rispondere siano effettivamente lunghi.
Se questo è il normale iter, forse il servizio andrebbe rivisto…

A noi Isis ci fa un baffo!


L’altro giorno Alfano ci ha assicurato che della minaccia terroristica di Isis l’Italia e si sotto osservazione, ma tutto sommato può dormire sonni tranquilli.
Sono sicuro che il ministro dell’Interno fa queste dichiarazioni sulla base di informazioni che gli arrivano dal suo dicastero, ma nella realtà di tutti i giorni qualche dubbio ai cittadini viene.
Continua a leggere

Forestali Kaput!


Se negli scorsi giorni avete visto gente festeggiare potete star certi che era qualche delinquente che guadagna alle spalle dell’ambiente.
Il motivo? Al Senato è passato il via libera definitivo al Ddl di riforma della Pubblica Amministrazione che prevede, tra le tante cose, la soppressione del Corpo Forestale dello Stato.
Continua a leggere

Pet therapy vigevanese


Oggi è un fatto ampiamente riconosciuto che la zooterapia (o per dirla all’inglese pet therapy) non dia beneficio solo agli inguaribili animalisti, ma che possa coadiuvare le terapie tradizionali nel migliorare il comportamento fisico, cognitivo e psico-emotivo di pazienti affetti da differenti patologie.
Continua a leggere

Velo ok? Nemmeno per sogno.


Nella provincia di Alessandria questi cilindri arancioni spuntano come funghi, tanto che alcuni sospettano che li regalino e dove sono stati installati stanno creando un acceso dibattito tra automobilisti e residenti.
Serravalle Scrivia è stato il primo paese ad adottarli, ma il caso più eclatante penso sia quello di Rivalta Scrivia, dove in meno di un chilometro se ne contano ben nove (5 in un senso e 4 nell’altro), seguito da Casalcermelli  con sette.
Continua a leggere

Amnistia o indulto? Ma anche no!


Ho lasciato passare qualche settimana per far “sedimentare” l’argomento, visto che si era ammantato di uno squisito senso di appartenenza politica, più che di civile dibattito sul reale problema che sta dietro alla questione: il sovraffollamento delle carceri!
Come del resto accade sempre in Italia su argomenti che suscitano l’interesse pubblico, alla fine si arriva al tifo calcistico e si perde di vista il vero nocciolo del problema, lasciando poi ad altri il compito di metterci una pezza, che alla fine risulta essere più assurda del problema stesso.
Continua a leggere

Botte da orbi

L’argomento è delicato ed ogni volta che ne parlo trovo nella casella di posta diversi messaggi “coloriti” di chi si schiera senza se e senza ma su un fronte o sull’altro della barricata.
Forse il problema sta effettivamente alla radice, ovvero che chi si schiera parte dal presupposto che l’altro è bugiardo, qualsiasi cosa dica.
Fatto sta che per l’ennesima volta abbiamo assistito a scene di guerriglia urbana con feriti sia tra i manifestanti, sia tra le Forze dell’ordine.
Continua a leggere

Celebriamo la crisi

Strano paese il nostro.
Si parla di crisi, di tagli, di mancanza di fondi, ma i soldi per fare le celebrazioni alla fine si trovano sempre.
Non è la prima volta che sollevo la questione, ma ancora una volta rimango stupito di come questa classe politica sia totalmente sorda alle esigenze del paese.
Continua a leggere