L’outlet aperto a Pasqua e strano caso dello Stato laico a singhiozzo


Quante volte abbiamo sentito ribadire che lo Stato italiano è laico?
Spesso questa frase è stata usata per togliere il Crocifisso dalle scuole, per non offendere le altre religioni.
Oppure, sempre per non offendere nessuno, si è usato questo spauracchio per giustificare l’annullamento delle recite natalizie
Continua a leggere

L’orco accanto


In un primo momento la notizie era emersa come chiacchiera da bar, ancor prima che sui giornali, forse per permettere a chi indaga di proseguire il proprio lavoro senza troppo clamore, ma alla fine anche i media hanno iniziato a scrivere di questa triste e squallida vicenda.
Sono notizie che leggi spesso sui quotidiani, ti ci arrabbi pure chiedendoti come sia possibile, ma non ti senti coinvolto più di tanto, proprio perché sono cose che accadono lontane, spesso in grandi città.
Continua a leggere

Giudice bye bye


La notizia è freschissima: il Comune di Novi Ligure non si accollerà le spese di mantenimento per permettere al locale ufficio del Giudice di Pace di sopravvivere.
La beffa peggiore sta forse nel non riuscire a mantenere aperto l’ufficio per sole 9 pratiche, ma forse è meglio così: vuol dire che Novi e dintorni non sono così litigiosi, dato non certo trascurabile in un periodo di tensione generale come quello che stiamo vivendo.
Continua a leggere

AAA… Amianto regalasi

Ma voi lo sapevate che l’amianto fa male?
A livello provinciale e regionale sembra se ne stiano accorgendo solo oggi.
Con la conseguenza che tutti mettono le mani avanti sul progetto del Terzo valico dicendo: “Senza garanzie, nessun buco”.
Sinceramente rimango stupito che ci sia voluto l’intervento dell’osservatorio nazionale amianto per ribadire una cosa risaputa da anni,
ovvero che l’amianto provoca il cancro.
Continua a leggere

Arrivederci a settembre

Nell’ultimo numero prima della pausa agostana viene difficile parlare di argomenti stuzzicanti o di questioni scottanti.
Non certo perché i politicanti nostrani (e non) non diano modo di (s)parlare di loro, anzi per fortuna riescono sempre a farne una nuova, fornendo materiale sempre fresco di cui trattare.
Così come esistono argomenti di cui si potrebbe ciarlare “a prescindere” (come diceva Totò).
Continua a leggere

Mamma li grillini…

Una volta erano i turchi a esser oggetto del grido di terrore che nella cultura popolare
salentina racchiudeva insieme la tragedia di Otranto del 1480 e il clima di continuo allarme di quegli anni, quando le scorrerie erano all’ordine del giorno.
Dopo le recenti elezioni si può modernizzare in “mamma li grillini”, visto il terrore palpabile che ha assalito politici scafati e di lungo corso, ma davvero questi “grillini” sono
così terribili?
Ne ho virtualmente incontrato uno per porgli qualche domanda: Paolo Santi, operaio di Stazzano, che recentemente si è presentato nella lista a cinque stelle per le comunali alessandrine.
Continua a leggere