Micropagamenti, le banche ringraziano!


Dunque pare esserci il via libera ai micropagamenti, grazie ad alcuni emendamenti alla legge di Stabilità presentati dal Pd in commissione bilancio alla Camera.
In pratica fino a 5 euro potremo usare le carte, quindi al bar potremo far colazione pagando “all’americana”.
Le banche sono state ammonite: entro il primo aprile 2016 dovranno definire le regole e adeguare le commissioni in base ai reali costi sostenuti per gestire questi micropagamenti…
La data sarà profetica? Perchè in molti credono in un bel Pesce d’Aprile ai danni dei commercianti, artigiani e professionisti!
Anzitutto perchè le banche avranno diversi mesi in cui comunque saranno in vigore i mostruosi costi di gestione del POS, poi perchè sarà un ulteriore esborso che limerà ulteriormente il guadagno di queste categorie (i costi di gestone saranno più bassi, ma ci saranno sempre…)
Davvero salveremo l’Italia tracciando la colazione che non viene scontrinata al bar?
Capisco che prendere 1 euro da 10.000 persone è più facile che trovare chi evade, ma non sarebbe più utile incrementare i controlli per colpire chi veramente ruba?
Ah già: bisognerebbe assumere più finanzieri e allora bisognerebbe parlare, ad esempio, di tagli alle pensioni d’oro…
Ok, capito tutto! A posto così!

Annunci

#ItaliaSiamoNoi

“Noi Romani dovremmo metterci una maglietta con su scritto: ‘Roma sono io’, armarci di scopa, raccoglitore e busta della mondezza, e ripulire ognuno il proprio angoletto della città.”
Così esordiva ed esortava Alessandro Gassman a fine luglio a riscatto dell’immagine della Capitale immersa nella spazzatura che aveva fatto il giro del Mondo.
Continua a leggere

#OvviamenteGratis

Su Twitter da giorni va avanti un tormentone nei confronti del Sindaco di Parma , che in un suo recente messaggio ha chiesto la collaborazione dei cittadini specializzati nella programmazione informatica per relizzare delle applicazioni per il suo Comune, ovviamente gratis (come cita l’ironico hashtag che furoreggia in rete).
Continua a leggere

ABOLIAMO LE PROVINCE

Lo so!
Mi ero ripromesso di starmene bravo fino a Settembre, di godermi le ferie nel relax di casa e di non leggere i giornali…
Ma è colpa mia se i politicanti fanno di tutto per farmi montare la carogna?
Prima ci si mette il ministro Patroni Griffi che avverte come ancora ci siano in giro troppe auto blu e che alcune amministrazioni pubbliche non solo non hanno tagliato, ma hanno addirittura aumentato la spesa (peccato che non ci dica quali).
Il 44% delle amministrazioni pubbliche è in ritardo nel risanamento…
Strano, vero?
Continua a leggere

275mila euro a braccialetto

Voi paghereste la bellezza di 275mila euro per un braccialetto?
Ovviamente dipende dal portafogli, ma volando con la fantasia, facendo finta di essere milionari, voi una simile cifra la spendereste?
E sempre pensando che ognuno di noi se lo possa permettere vi chiederete come è fatto per costare così tanto.
In oro o in platino? Tempestato di rubini, smeraldi o diamanti? Una serie limitata di un particolare artista?
Continua a leggere

COLPA DI EQUITALIA

L’ondata di contestazione popolare (e purtroppo di suicidi) che in questi mesi sta interessando Equitalia è preoccupante.
Non tanto dal punto di vista dell’ordine pubblico, anche se indica che la gente inizia ad esser stufa.
Quando dalla quasi totale mancanza di manifestazioni politiche in favore di questa società pubblica.
Ci si preoccupa tanto della sicurezza nazionale, dei subbugli della Tav e del Terzo Valico (anche se poi il ministro Cancellieri ha corretto il colpo) e del rinato terrorismo (un po’ ad orologeria), ma non ci si espone in difesa di Equitalia.
Ma è corretto? O forse Governo ed partiti dovrebbero difendere con maggior forza questa istituzione pubblica?
Continua a leggere

L’IMU NON PIACE AI PARTITI, PERCHE’?

L’Imu ha veramente scatenato l’ira dei politici, che in questi giorni sento lamentarsi di più dei comuni mortali su questo balzello.
Sindaci che scendono in piazza, partiti che s’indignano ed ovviamente quando un politico si sveglia, in me si desta un campanellino che fa aumentare il livello di guardia.
Da quando i nostri amati politici si interessano di noi cittadini?
Son stati zitti quanto ci hanno portato l’IVA al 21%, quando ci hanno fatto pagare l’aumento IRPEF in modo retroattivo e non dicono nulla sulla benzina vola, ma da quando si è parlato di IMU è successo il parapiglia.
Continua a leggere